Commissione toponomastiche

 

Nomine attive

Roma (2017). Nomina BB

Napoli (2017). Nomina GC

Licata (2014). Nomina ER

Modena (2015). Nomina RP

Cremona (2015). Nomina LB

 

Nomine pregresse

Pistoia (2017). Nomina LC

Padova (2013). Nomina NC

Sulmona (2014). Nomina ND

Roma (2014) Nomina MpE

E allora, visto che la bisessualità non piace praticamente a nessuno (forse neanche ai bisessuali stessi), da qualche tempo si è fatto largo un nuovo dapoxetina generico orientamento sessuale, anzi, forse è bene definirlo un “non” orientamento sessuale: Il loro contenuto di zinco aiuta ad aumentare la produzione di vendita viagra in francia testosterone. In virtù di ciò, gli uomini alle prese con diversi tipi di problemi di prestazioni sessuali sono in grado di ottenere vantaggi da questa soluzione dapoxetina in farmacia naturale. La risposta sessuale può essere suddivisa in quattro fasi: Accanto a questi ci sono anche i cibi “proibiti”, prime fra tutte le bevande zuccherate. costo levitra da 20 mg ogni volta che si comincia una relazione con un nuovo partner, bisogna conoscere la persona che ci si trova di fronte ed è importante trovare complicità anche a livello sessuale.

Referenti

 

 

Referenti Nazionali

 

Maria Pia Ercolini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Livia Capasso  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Piemonte  e Valle d'Aosta

Loretta Junk   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lombardia

Rosa Enini  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Danila Baldo - Lodi -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nadia Boaretto - Milano città -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sara Marsico - Milano provincia -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letizia Bellini - Cremona -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Claudia Speziali - Provincia di Brescia -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Liguria

Senonoraquando Genova (Cristina Favati)  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Triveneto

Nadia Cario  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giulia Penzo - Chioggia -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Michela Novel - Trieste -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Emilia-Romagna

Malvina Mazzotta - Imola -   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Roberta Pinelli - Modena -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Angela Milella - Modena -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Toscana

 Laura Candiani -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Umbria

 Paola Spinelli -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Manila Cruciani -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  Abruzzo e Molise

 Livia Capasso -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Nora D'Antuono -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Lidia Di Giandomenico (Molise) -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Campania

 Giuliana Cacciapuoti -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Alba Coppola (Portici) -   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Lazio

 Livia Capasso -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Barbara Belotti – Roma -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Loretta Campagna (Lazio meridionale) -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Basilicata

 Cinzia Marroccoli -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Agnese Belardi -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Calabria

 Roberta Schenal -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Puglia

 Marina Convertino  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Virginia Mariani  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Sicilia

 Pina Arena  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Ester Rizzo  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Vera Parisi -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Sardegna

 Agnese Onnis -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Referenti di altri Stati 

 Gran Bretagna

 Carlotta Moro - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

 

Riscontri

 

 

Dialogo aperto con le Amministrazioni

 

riscontri

Recensione del volume "Le strade di Cava de’ Tirreni"

Le strade di Cava de’ Tirreni

Toponomastica Storica 

 “Le strade di Cava de’ Tirreni – Toponomastica storica”, edito dalla Casa Editrice Areablu Edizioni, collegata alla Grafica Metelliana, e realizzato da Salvatore Fasano, Franco Bruno Vitolo, Daniele Fasano, Beatrice Sparano e Lara Adinolfi. 

350 circa tra strade e piazze, 1200 fotografie circa di luoghi, personaggi e situazioni, oltre 400 pagine in grande formato su carta patinata, un’appendice ricchissima di proposte di intitolazione o di approvazioni non concretizzate,copertina cartonata con rilegatura di pregio, due anni di lavoro per un’opera di qualità che nel suo genere è di assoluta originalità, anche a livello nazionale.

Dopo una sezione iniziale dedicata alle frazioni, ogni pagina è dedicata ad una strada o ad una piazza: ognuna è corredata di informazioni sulla collocazione, di una foto del personaggio a cui è dedicata, di un approfondimentosul personaggio stesso e sul significato del nome, di un corredo di almeno due fotografie del luogo, con l’individuazione della parte prossimale e di quella distale.

Nella seconda parte, un’ampia rassegna di allegati riguardanti le proposte di intestazione non ancora portate a termine. Per finire, una suggestiva galleria di foto-ricordo relative a personaggi ed eventi collegati.

Progetto Sui Generis

Nell’ambito del progetto Sui Generis, primo vincitore nazionale del bando emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per progetti di didattica e pari opportunità, nel 2008/2009, due istituti professionali della periferia romana (Giovanni Falcone e Carlo Urbani), coordinati da Maria Pia Ercolini e Mauro Zennaro, hanno realizzato 20 uu.dd. pluridisciplinari, distribuite a oltre 200 docenti di scuola superiore.

Valore aggiunto del suddetto bando è stato quello di mettere in relazione insegnanti di aree geografiche diverse che ancora oggi, in questo contesto di toponomastica femminile, collaborano attivamente perché la scuola sia terreno fertile per una educazione alle pari opportunità (Zinetta Cicero, Maria Pia Ercolini, Mauro Zennaro; Pina Arena, Catania; Danila Baldo, Lodi; Maria Grazia Anatra, Viareggio).

Si ritiene utile pubblicare su questa pagina la struttura portante dell’unità relativa al sessismo linguistico, realizzata da Aureliana Di Rollo.
Per eventuali chiarimenti e/o approfondimenti scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 


Non visualizzi il documento? Clicca QUI


 

Il sessismo nella lingua italiana
di Alma Sabatini (1922-1988)

...non siamo sempre noi a parlare la lingua,
ma è la lingua stessa che ci parla.

 

Da Introduzione alla ricerca (p. 19)

La lingua italiana, come molte altre, è basata su un principio androcentrico: l'uomo è il parametro, intorno a cui ruota e si organizza l'universo linguistico. Esempio paradigmatico: la stessa parola "uomo" ha una doppia valenza, perchè puó riferirsi sia al "maschio della specie" sia alla specie stessa, mentre la parola "donna" si riferisce soltanto alla "femmina della specie". [...] In poche parole l'uomo è la specie, la donna la sottospecie. [...] Il problema non sono le differenze, ma le valenze che esse esprimono: o nozioni stereotipate, riduttive e restrittive della immagine della donna, o il riterato e pervasivo concetto base della centralità e universalità dell'uomo e della marginalità e parzialità della donna. La falsa "neutralità" del maschile, che spaccia per umano ciò che è solo dell'uomo è emblematica di tutta la cultura. [...] Lo stereotipo è un'arma subdola e pericolosa; esso contiene un grano di verità, un dato riconoscibile, che viene però estrapolato dal contesto dinamico e contraddittorio, viene generalizzato e congelato e diventa «ovvio». [...] Lo scopo fondamentale di questo lavoro è di stimolare la presa di coscienza che la lingua non è né "neutra" né "neutrale" e che essa influenza fortemente i comportamenti umani e sociali.

 


Non visualizzi il documento? Clicca QUI

Fonte: funzionepubblica.gov.it.

Utopia sociale Utopia ecomonica

Si tratta di un'analisi comparativa tra due esperienze utopiche dei secoli scorsi: la prima di stampo monarchico, nata nel clima del riformismo illuminato (datata 1789), è stata messa in pratica per oltre un decennio nella Reale Colonia di San Leucio (Caserta), per volere di Maria Carolina d'Asburgo, moglie di Ferdinando IV di Borbone che ha firmato la Costituzione; la seconda è la più nota esperienza scozzese, di stampo socialista, nata agli inizia dell'Ottocento. Nella prima esperienza le donne hanno gli stessi diritti degli uomini, cosa che non avviene affatto nella seconda.


Non visualizzi il documento? Clicca QUI


 

Lo Statuto di San Leucio

Introduzione alla ristampa anastatica del Codice

Il Comune di Caserta, amministrazione Petteruti, volle ripubblicare in ristampa anastatica il Codice.
Lo Statuto di San Leucio, una rivoluzione senza armi, è l'introduzione al Codice. Sintetizza l'unicità della legge e spiega come questa sia nata dal pensiero femminile e destinata al riconoscimento giuridco e sociale delle donne.


Non visualizzi il documento? Clicca QUI


 

Tra leggi illuminate e lettere private

Saggio inserito nell'Archivio per la storia delle donne, V, (a cura di Adriana Valerio), 2008; pp.71-105.
Si tratta della "ricostruzione" della genesi del Codice delle leggi leuciane. Prima ricostruzione in chiave di genere.


Non visualizzi il documento? Clicca QUI


 

Mazzini e la differenza di genere

Giuseppe Mazzini

Recentemente ho avuto modo,in occasione del centocinquantesimo dell'Unità d 'Italia, di porre in nuova luce gli aspetti sociali e profondamente alternativi del pensiero mazziniano sia rispetto alla dottrina sociale cattolica che alla visione marxista (Danilo Bruno, L'altra via: Mazzini e l'autogestione operaia, in Pensiero mazziniano, anno 66, maggio-agosto 2011, pp.102-115).
In questo contesto Mazzini affrontò pure il problema della differenza sessuale,che però egli colse in una visione profondamente diversa dalla semplice parità dei diritti, fondamentale ma non esaustiva per affermare che "l'Umanità" in senso mazziniano era composta da uomini e donne, distinti dal sesso ma uniti in una comunità basata su saldi principi democratici e repubblicani.

Mazzini affrontò sempre con profondo senso paritario "l'altro sesso" sia nella sua lunga e tormentata storia d'amore con la patriota Giuditta Sidoli che nei rapporti di profonda stima e amicizia con la giornalista Jesse White Mario o con la famiglia Nathan nella cui proprietà perirà a Pisa il 10 marzo 1867.
Mazzini quindi nel rapporto con il sesso femminile va compreso nella visione del "Caro Peppino", come lo chiama in una lettera esposta al Museo del Risorgimento di Genova Jesse White Mario piuttosto che dell'uomo sempre vestito di scuro, serio in volto e pensoso così come lo rappresenta l'agiografia tradizionale anche in nome del voto che egli avrebbe fatto nel 1822, vedendo partire i patrioti per l'esilio, decidendo di rimanere sempre vestito di scuro in segno di lutto.

Mazzini condusse sempre su un piano parallelo e profondamente intrecciato la visione dell'Unità d'Italia con la soluzione della questione sociale.
Nel suo testo fondamentale "I Doveri dell'Uomo", pubblicato a metà del XIX secolo e rivolto agli "operai italiani", egli teorizzò da un lato lo scopo di ogni nazione, che per l'Italia Unita era il progresso nella arti e nelle scienze e dall'altro l'esigenza di una riforma morale del paese.
In particolare egli insistette molto sul "dovere", contrapposto ai diritti propagandati dal liberismo imperante ed in particolare dalla teoria di uno stato ridotto al minimo, per affermare il libero esplicarsi delle attività economiche nella società.
Mazzini contrappose a ciò il dovere, visto come assunzione delle proprie responsabilità verso se e verso gli altri, nell'ottica di creare una società solidale dove ogni persona ha un dovere di solidarietà verso gli altri ma anche un diritto a ottenere aiuto in caso di necessità.
Questa teoria del diritto, che discende da un dovere, è propria di una concezione moderna e democratica del welfare dove al dovere di provvedere alle esigenze altrui fa da contraltare il diritto di ottenere aiuto in caso di necessità.
La comunità solidale deve essere democratica perché tutti devono avere gli stessi diritti o doveri e repubblicana perché nessuno può avere investiture provenienti anche da Dio come accadeva in un regime di monarchia costituzionale.

Mazzini teorizzò poi per l'Italia la necessità della rivoluzione come processo insurrezionale ma anche come dato di rigenerazione morale della nazione.
La rivoluzione diviene infatti un processo educativo per portare tutte le persone alla comprensione delle responsabilità.
Egli, sempre ne "I Doveri dell'Uomo", insistette molto sul fattore educativo, di cui era componente ma non "pars unica", il dato dell'istruzione. L'educazione infatti deve giungere alla comprensione di Dio su cui, pur in una concezione teistica salda, l'origine della legge morale e dei doveri dell'umanità, del valore della famiglia, considerata il pilastro fondamentale della società e dell'umanità, intesa come unione di tutte le persone che vivono in una comunità cosciente dei propri doveri.
Quale è il posto della donna in questo sistema?
Bisogna premettere che il discorso mazziniano sulla comprensione dell'esistenza di un altro genere e sulla necessità della parità dei diritti fra i sessi rimanda ad una tradizione anteriore che trova esponenti di rilievo in Maria Pellegrina Amoretti, prima donna laureta in giurisprudenza, che nel XVIII nella premessa al libro "De jure dotium apud Romanos" si interrogò a lungo sul ruolo femminile nella società settecentesca non vedendo differenza fra una donna e la "domestica micetta" e in Olympe De Gouges,che nel 1791 presentò all'assemblea nazionale la "Dichiarazione dei diritti delle donne e delle cittadine". Ella in questa definizione vide infatti un duplice ruolo per la donna:
1) quello autonomo, sessuale femminile;
2) quello della cittadina, partecipe dei diritti e dei doveri della donna nella vita politica e sociale.

Mazzini ne "I Doveri dell'Uomo" parla della donna come "angelo della famigia", ripercorrendo forse il fortissimo legame affettivo con la madre, che lo educò ad un profondo senso del dovere di origine giansenista.
Egli poi si dilungò sui diriti delle donne e sul fatto che "la Bibbia del domani" avrebbe parlato di uomini e donne e di di una umanità composta da due soggetti diversi convogliati verso una unica direzione: una società di persone solidali e libere.
A ben vedere, quindi, Mazzini riconosce alle donne un ruolo autonomo, che parte dalla maternità consapevole fino all'autonoma e decisiva partecpazione alle vicende della società attraverso la cosciente assunzione della propria responsabilità.

La dizione più centrata per definire il pensiero mazziniano rispetto al ruolo femminile nella società fu quella di Giorgina Crauford Saffi, moglie del patriota Aurelio, giornalista, educatrice e presidente della società di mutuo soccorso femminile di Forlì, che parlò della donna come "madre, cittadina".
La donna, quindi, ha un ruolo centrale nell'educazione familiare, poiché costituire "l'angelo della famiglia" non significa badare genericamente ai figli ma essere il perno del processo educativo,che deve portare tutti i figli (maschi e femmine) ad assumere coscienza dei propri doveri e a definire il proprio ruolo nella società.
La donna diviene quindi liberamente madre e soprattutto gestisce questo ruolo in autonomia in una visione educativa propria con uno specifico spazio in famiglia dove ella può decidere quante maternità sopportare in nome di un principio di autodeterminazione, che stava nascendo.
La donna non esaurisce però qui la propria funzione poiché è anche cittadina, partecipando autonomamente e come essere senziente con pari doveri e diritti degli uomini di partecipare ai processi educativi, all'istruzione e alle principali decisioni della collettività.
Giorgina Crauford Saffi fu per anni presidente di una società di mutuo soccorso femminile poiché le donne avevano diritto per la prima volta di organizzarsi in forma autonoma secondo le proprie scelte e volontà.

Questo fu in sintesi il pensiero profondamente innovativo di Mazzini,che teorizzò per la prima volta in forma sistematica la presenza della differenza di genere in Italia.

Danilo Bruno

So good luck, bonne chance, buena suerte, and viel glück! I caught a ride with my friend and we got lost on two occasions, but essay writing service because we had planned on arriving so early, we still made it to the test with plenty of time to spare. Although aix-marseille online essay writing services university’s primary language of instruction is french, its graduate school of management offers half of its courses in english, so u.s.

Sottocategorie

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.