TOTALE STRADE / VIE / PIAZZE / ETC.: 116
INTITOLATE A UOMINI: 40
INTITOLATE A DONNE: 4
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE INTITOLATE A DONNE
Madonne (Immacolata, Beata Vergine, Santa Maria etc.): --
Sante, beate, martiri: --
Suore e benefattrici religiose, benemerite, fondatrici ordini religiosi e/o enti assistenziali-caritatevoli:

2

Maestre Pie (via e piazza)

Benefattrici laiche, fondatrici enti assistenziali-caritatevoli:

1

Annamaria Buttaoni

Letterate / umaniste (scrittrici, poete, letterate, critiche, giornaliste, educatrici, pedagoghe, archeologhe, papirologhe...): --
Scienziate (matematiche, fisiche, astronome, geografe, naturaliste, biologhe, mediche, botaniche, zoologhe...): --
Donne dello spettacolo (attrici, cantanti, musiciste, ballerine, registe, scenografe...): --
Artiste (pittrici, scultrici, miniaturiste, fotografe, fumettiste...): --
Figure storiche e politiche (matrone romane, nobildonne, principesse, regine, patriote, combattenti della Resistenza, vittime della lotta politica / guerra / nazismo, politiche, sindacaliste, femministe...): --
Lavoratrici / imprenditrici / artigiane: --
Figure mitologiche o leggendarie, personaggi letterari:

1

Stenebea

Atlete e sportive: --
Altro (nomi femminili non identificati; toponimi legati a tradizioni locali, ad es. via delle Convertite, via delle Canterine, via della Moretta, via delle Zoccolette; madri di personaggi illustri...): --

  Censimento a cura di:Anna Altobelli  

Fonte: Agenzia del Territorio.

Le Maestre Pie  sono un istituto religioso femminile, fondato da Rosa Venerini, per l'educazione delle fanciulle del popolo.

Stenebea è una figura della mitologia greca, moglie di Preto, re di Tirinto, e figlia di Iobate, re di Licia. Innamoratasi di Bellerofonte, ospite del marito, fu da lui ripudiata.

 Anna Maria Buttaoni nel suo testamento, redatto  nel 1842, lascia tra i tanti eredi tra cui ripartire le proprie sostanze, l'Ospedale di Tolfa , altre opere pie, ordini religiosi, cittadini privati e parenti prossimi alla testatrice. Il suo capitale ammontava ad un valore di 23.435 scudi, una cifra enorme per quei tempi 

 

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.