TOTALE STRADE / VIE / PIAZZE / ETC.: 210
INTITOLATE A UOMINI: 143
INTITOLATE A DONNE: 5
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE INTITOLARE A DONNE
Madonne (Immacolata, Beata Vergine, Santa Maria etc.): 3
Madonna
Madonna della Fiducia
Madonna di Loreto
Sante, beate, martiri: --
Suore e benefattrici religiose, benemerite, fondatrici ordini religiosi e/o enti assistenziali-caritatevoli: --
Benefattrici laiche, fondatrici enti assistenziali-caritatevoli: --
Letterate / umaniste (scrittrici, poete, letterate, critiche, giornaliste, educatrici, pedagoghe, archeologhe, papirologhe...): --
Scienziate (matematiche, fisiche, astronome, geografe, naturaliste, biologhe, mediche, botaniche, zoologhe...): --
Donne dello spettacolo (attrici, cantanti, musiciste, ballerine, registe, scenografe...): 1
Anna Magnani
Artiste (pittrici, scultrici, miniaturiste, fotografe, fumettiste...): --
Figure storiche e politiche (matrone romane, nobildonne, principesse, regine, patriote, combattenti della Resistenza, vittime della lotta politica / guerra / nazismo, politiche, sindacaliste, femministe...): --
Lavoratrici / imprenditrici / artigiane: --
Figure mitologiche o leggendarie, personaggi letterari: --
Atlete e sportive: --
Altro (nomi femminili non identificati; toponimi legati a tradizioni locali, ad es. via delle Convertite, via delle Canterine, via della Moretta, via delle Zoccolette; madri di personaggi illustri...): 1
Vittoria

  Censimento a cura di: Stefania Ricchiuto  

Fonte: guidasalento.org.

Due scuole di Surbo saranno intitolate a due donne: Rita Fossaceca ed Elisa Springer
 La scuola dell’infanzia di via Primo maggio a Giorgilorio, frazione di Surbo, sarà intitolata a Rita Fossaceca, medica uccisa in Kenya, a Mijmboni, dove era andata per vaccinare i bambini dell’orfanotrofio di “Forlife onlus”. La volontaria, molisana di origine, è rimasta vittima di una sparatoria, mentre cercava di difendere la madre che era lì con lei in Kenya e che era stata colpita con un machete.

 

L’istituto comprensivo di via del Mare, sarà intitolato a “Elisa Springer”, scrittrice austriaca di origine ebrea, deportata nel campo di concentramento di Auschwitz, dove conobbe Anna Frank. Elisa Springer, dal 1946 in poi, ha vissuto in Italia e gran parte della sua vita l’ha trascorsa in Puglia, a Manduria in provincia di Taranto. Nel febbraio del 2004, pochi mesi prima della sua morte, è stata ospite dell’istituto comprensivo di Surbo, dove ha presentato proprio il suo libro “Il Silenzio dei Vivi”, autobiografia della sua esperienza di deportata nei campi di concentramento.

 

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.