Memorie d'artista

22 Maggio 2013
Scritto da Livia Capasso
 Modotti

 foto di Linda Zennaro

Sapevate che il personaggio di Diabolik è stato partorito dalla fantasia di due donne, le sorelle Giussani? E che il busto di Grazia Deledda sul Pincio a Roma è opera di una scultrice sarda, Amelia Camboni? E che Tina Modotti è stata la fotografa ufficiale del movimento muralista messicano? E Benedetta Cappa, detta Benny, non fu da meno del più famoso marito Filippo Tommaso Marinetti, che di lei disse “ Ammiro il genio di Benedetta, mia uguale non discepola”?

Il Comune di Roma ha voluto rendere omaggio alle donne artiste, intitolando loro diciotto aree di circolazione; non sono tante, considerando che il totale delle strade ammonta a più di 16.000, secondo il rilevamento effettuato dal gruppo attivo su facebook “Toponomastica femminile”, sulla fonte del SITO ufficiale del Comune di Roma. Fatto un veloce calcolo, la percentuale è dello 0,1 %!

Il municipio più solerte è stato l’VIII, con l’intitolazione di quattro strade rispettivamente a Giovanna Marmochini Cortesi, ritrattista alla corte medicea tra ’600 e ’700, Antonietta Alessio Biscarra, miniaturista dell’800 e autrice di numerosi ritratti di personaggi del Risorgimento, Giulia Staderini Piccolo, pittrice romana del ’900, e Giovanna Garzoni. Ma proprio quest’ultimo nome è inciampato in un errore: la via che dalla sua istituzione si chiamava Gazzoni voleva essere intitolata in realtà a Garzoni, pittrice e miniaturista marchigiana del ‘600. Il cambio di consonante ben dimostra quanto poco la pittrice, nonostante il suo valore, fosse conosciuta. Dietro suggerimento del nostro gruppo con delibera n.189 del 04/07/2012 è stata apportata la correzione.

 

Nel XII municipio troviamo le fumettiste del ‘900: le sorelle milanesi Angela e Luciana Giussani, ideatrici, come già detto, del famoso personaggio di Diabolik; Lina Buffolente, conosciuta come “la Signora del fumetto”, che ha dato vita a personaggi quali Colorado Kid, Calamity Jane, ha realizzato sia i testi sia i disegni per Lupo, Furio Mascherato, Tom Mix, Tom Bill, River Queen; un largo è dedicato a Tea Bertasi Bonelli, editrice per la casa Audace di Tex, dopo che l’aveva concepito nel 1948; e infine una scultrice sarda Amalia Camboni, nata nel 1913 a Villamassargia, morta a Roma nel 1985, autrice tra l’altro del busto di Grazia Deledda al Pincio. Scrittrice e pittrice, esponente del Futurismo, fu Benedetta Cappa, ricordata nel XIII Municipio: allieva di Giacomo Balla, moglie di Filippo Tommaso Marinetti, riuscì a emergere all’interno di un gruppo dichiaratamente maschilista.

Altra pittrice e giornalista, celebrata nel XIII Municipio è Maria Grandinetti Mancuso, calabrese di nascita, che nel 1918 partecipò alla Mostra d’arte indipendente, unica donna accanto a Carlo Carrà, Giorgio De Chirico, attraverso i quali si avvicinò alla pittura metafisica.

 EditaBroglio

 

  

Nello stesso municipio un’altra via è dedicata infine a Edita Broglio, che studiò a Parigi, ma poi si stabilì a Roma dove entrò in contatto con gli artisti della Secessione; col marito, Mario Broglio, collaborò alla rivista “Valori Plastici”; la sua pittura è vicina all’avanguardia russa, al Blaue Reiter e più tardi alla corrente del “Realismo magico”.

  foto di Andrea Virgilio

 

 

 

 linaBuffolenteIl VII Municipio ricorda in un largo la pittrice nativa di Anticoli Corrado, Pasquarosa Marcelli Bertoletti, e in una via Emma Gaggiotti sposata all’inglese Richards. Mary Pandolfi de Rinaldis è ricordata nel X e la fotografa Tina Modotti nell’XI. Il XVII celebra la nobildonna romana Marianna Dionigi, vissuta nel pieno dei grandi cambiamenti politici e sociali in Europa tra fine ‘800 e inizio ‘900, donna dai molteplici interessi, dalla letteratura alla poesia, dalla pittura alla musica. La miniaturista Maria Felicita Tibaldi dà il nome a una strada del XVIII Municipio e infine il ponte pedonale di Villa Pamphili è dedicato alla pittrice, vera protagonista femminile della Storia dell’arte europea del ‘600, Artemisia Gentileschi.

  

foto di Linda Zennaro

INFORMATIVA COOKIE

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa sull’uso dei cookie..

Cliccando “accetto” o accedendo a qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.